Marina di Carrara dal 19 Febbraio al 22 Febbraio 2017

» Prima Pagina
» Home Page
» Edizioni precedenti
» Back editions
» Ubicazione
» Location
» Complesso fieristico
» The Fair complex
» Territorio
» Territory
» Regolamento 2016
» English regulation 2016
» Coupon Iscrizione 2016
» Application form 2016
» Area news
» News area
» Materiale didattico


Organizzazione / Organization by

TIRRENO TRADE SRL - CENTRO DIREZIONALE OLIDOR
via Dorsale,9 - scala 9/b - Int.29
54100 MASSA (MS)
Tel: +39.(-0)585.791770
Fax: +39.(-0)585.791781
Info: Marco Pezzica +39.338.6917799
E-mail: info@tirrenotrade.it
IL TERRITORIO

Il territorio apuo-versiliese è una naturale area geografica delimitata a nord dalla foce del fiume Magra, a sud dalla foce del fiume Serchio, ad ovest dalle Alpi Apuane, ad est da una splendido ed ininterrotto arenile bagnato dal mar Tirreno. Le condizioni ambientali e climatiche hanno favorito l’insediamento dell’uomo in questa zona fin dal Paleolitico e Neolitico. I primitivi insediamenti montani, si sono lentamente espansi anche nel fondovalle e sulla piana in epoca romana e medioevale, l’insediamento sulla costa ha invece origini più moderne e si sviluppa soprattutto a partire dalla seconda metà dell’800, con una notevole accelerazione dal dopoguerra in avanti.

E’ un territorio baciato dalla natura che in pochi chilometri quadrati può vantare montagne dalle alte vette, agevoli pianure, lidi sabbiosi, mare azzurro ed un clima favorevole in tutte le stagioni dell’anno, grazie alla naturale protezione dai venti freddi del nord, offerta dalla catena montuosa alle sue spalle. Ottimamente servita da una vasta rete di moderni collegamenti stradali, ferroviari, aeroportuali e portuali.

Luogo di turismo, svago, spensieratezza, divertimento, ma anche di ambienti naturalistici diversificati, di cultura, di arte, di pregevoli testimonianze architettoniche e di artigianato sopraffino. La principale ricchezza viene dal suo bianco marmo, estratto dalle Apuane, che per secoli e secoli ha costituito una primaria fonte di sviluppo economico dell’intera area.


LA COSTA DA SUD A NORD, IN SUCCESSIONE TROVIAMO

- Torre del Lago Puccini - Frazione del comune di Viareggio, è famosa per aver dato i natali al Maestro della lirica Giacomo Puccini. In suo onore in estate, fin dal 1930, si svolge una stagione lirica all'aperto che sfrutta la suggestività del luogo e lascia nel cuore un ricordo indelebile. Compreso nel parco naturale di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli, vanta uno tra i paesaggi più naturalistici dell’intero comprensorio apuo-versiliese e con i suoi animati locali notturni e le sue luccicanti passeggiate a ridosso del mare, costituisce un luogo di divertimento sfrenato per i più giovani.



-Viareggio – E’ un elegante e conosciuta meta del turismo mondiale. Primitive formule di ospitalità balneare iniziano già nella prima metà dell’800 ed ai primi del ‘900 si potevano già contare 3000 cabine. La sua antica vocazione turistica è testimoniata anche da alcuni splendidi caffè e da diverse strutture ricettive in stile liberty. Famosissimo anche il suo carnevale che si svolge dal 1873, dove protagonisti sono giganteschi e coloratissimi carri di carta pesta, che interpretano con ironia tipica toscana i malesseri della società e della vita politica; la città si prepara tutto l’anno a questo sentito evento. Varie iniziative si susseguono durante l’anno e la città sa offrire validi motivi di divertimento e di attrazione in tutte le stagioni. Tra le attività di maggior impatto economico anche la cantieristica che vede la costruzione di panfili, tra i più belli al mondo e quelle legate alla pesca.


- Lido di Camaiore - Frazione costiera del comune di Camaiore, è un centro turistico balneare moderno ed efficiente, con ospitali strutture ricettive immerse nel verde delle pinete, o affacciate sul mare.


- Marina di Pietrasanta - Frazione di Pietrasanta (comprende Focette, Tonfano, Fiumetto e Motrone). Elegante stazione balneare offre un ampio arenile che in alcuni punti tocca i 200 m. di larghezza. I frequentatori di queste spiagge possono così godere di ampi spazi anche nei periodi di maggior affluenza. Alle spalle degli stabilimenti accessibili attraverso giardini privati, ampie pinete e zone verdi, tra le quali il parco della Versiliana che si estende per quasi un milione di metri quadrati. Il parco, dove ha sede la celebre omonima villa edificata a fine ’800, che ospitò il poeta D’Annunzio, in estate è sede di molte iniziative tra le quali: “Il Caffè della Versiliana” (nato negli anni ’80 prima dell’avvento dei talk show televisivi) è un’ambita e prestigiosa vetrina che ospita ogni anno personaggi della vita pubblica, del mondo del cinema, della cultura, dell’arte, del giornalismo, della politica, dello spettacolo…; "La Versiliana dei Piccoli" spazio dedicato ai bambini, al gioco creativo alla comprensione delle fiabe…; una programmazione culturale intensa e qualificata comprendente: concerti musicali, cabaret, balletto, prosa…



- Forte dei Marmi - Tra i più esclusivi centri turistici europei, Forte dei Marmi nasce attorno ad un pontile costruito nel Cinquecento per il carico dei marmi apuani e protetto, dal 1788, da un fortino fatto costruire da Leopoldo I. Col tempo nobili di mezza Europa, diplomatici, uomini d'affari, capitani d'industria, artisti, personaggi famosi hanno eletto “il Forte” meta delle loro vacanze estive. Molti di loro, nascoste e protette dal verde della pineta, qui hanno costruito splendide ville.



- Cinquale - Piccola frazione del comune di Montignoso, basa la sua moderna economia soprattutto sul turismo balneare e recentissimamente anche termale, che si affiancano e si sostituiscono alle attività del passato fondate soprattutto sulla lavorazione del marmo, sull'agricoltura che offre uva, olive, cereali, foraggi, canapa e lino. A disposizione dei frequentatori del Cinquale anche un piccolo approdo turistico ed un attrezzato aeroporto che consente voli privati e la pratica del paracadutismo.



- Marina di Massa - Frazione di Massa (comprende Ronchi, Poveromo e Partaccia) è una nota località di turismo balneare, che ha vissuto un primo boom nel periodo compreso tra le due grandi guerre. La più esclusiva Ronchi (a sud), dove amava trascorrere lunghi periodi di vacanza Paola Ruffo di Calabria, oggi Regina del Belgio, ha continuato ad ospitare importanti personaggi della vita pubblica anche nel primo dopoguerra. La più popolare Partaccia (a nord), offre campeggi e strutture ricettive alternative, soprattutto nelle ex-colonie affacciate sul mare, oggi in via di completa ristrutturazione e recupero.



- Marina di Carrara - Oltre ad essere un centro turistico balneare, dotato di spiagge accoglienti, modernamente attrezzate e di valide strutture ricettive, dispone anche di un importante porto commerciale, sviluppato per il traffico del marmo e di un ben organizzato porto turistico dove ha sede un efficiente Club Nautico che svolge un'intensa attività di promozione velica. A Marina di Carrara ha sede un moderno complesso fieristico di 95.000 mq, tra i più funzionati e meglio organizzati dell’intera Regione, nel quale sono ospitate manifestazioni di importanza nazionale ed internazionale.



L’ENTROTERRA DA SUD A NORD, IN SUCCESSIONE TROVIAMO

- Massarosa - Vasto comune (comprende le località di Bargecchia, Corsanico, Mommio Castello, Stiava, Pian del Quercione, Piano di Conca, Piano di Mommio, Bozzano, Quiesa, Pieve a Elici, Gualdo, Montigiano, Montramito) si estende su territori pianeggianti e collinari di rara bellezza, capaci di offrire naturali terrazze panoramiche sul lago di Massaciuccoli e sul mare. La zona offre la possibilità di vari itinerari turistici che attraversano borghi, ambienti immersi nel verde e nella natura.


- Camaiore - Comune adagiato in un'ampia conca, ai piedi dei primi contrafforti delle Alpi Apuane e abitato fin da epoca Romana. Numerose le pregevoli testimonianze del passato visitabili come: Badia di S.Pietro, fondata dal Monaci Benedettini (VlIl-XIII sec ); Pieve dei SS. Giovanni e Stefano, edificata nel XII secolo, che ospita una preziosa fonte battesimale ricavata da un sarcofago romano del III secolo d.C..


- Pietrasanta - E’ un comune ricco di piccoli gioielli di architettura e di arte contemporanea e del passato, come il duomo con il suo campanile rosso, il palazzo Moroni, la facciata aurea di Sant'Agostino, la torre delle Ore, il “guerriero panciuto” di Fernando Boterò. E’ questa una parte di Toscana dove l’arte della scultura è sentita fin dai tempi di Michelangelo, che qui veniva a scegliere i marmi più pregiati per le sue opere. Ancora oggi esiste una fertilissima produzione artistica ed artigiana specializzata nella lavorazione del marmo, del mosaico, nella fusione e per questo è punto di riferimento di molti artisti di fama internazionale. Dal 1984, il complesso monumentale del S.Agostino (ex-convento cinquecentesco) ospita un originale e unico nel suo genere, Museo dei Bozzetti, dove sono esposte le prove (in scala ridotta o in dimensioni reali) di molte famose opere realizzate da i più grandi maestri del ‘900 come H.G.Adam, A.Bloc, F.Botero, P.Cascella, César, P.Consagra, N.Finotti, J.M.Folon, G.Fonseca, R.Gilardi, E.Gilioli, J.R.Ipousteguy, I.Mitoraj, R.Murabito, C.Nivola, I.Noguchi, A.Penalba, Gio’ Pomodoro, C.S.Signori, Kan Yasuda, ecc.


- Serravezza - Comune ai piedi delle alpi Apuane che nasce sul punto di confluenza dei fiumi Serra e Vezza. Si estende su territori montani, di fondo valle e pianeggianti (comprendenti le località di Azzano, Fabiano, Giustagnana, Minazzana, Basati, Cerreta S. Antonio, Cerreta S. Nicola, Riomagno, Ruosina, Corva, Ripa, Pozzi. Corvaia). E’ ripartito in sette antiche contrade, che in primavera danno vita ad uno storico palio dove protagonisti sono i “micci”.


- Stazzema – E’ il comune più piccolo del comprensorio, situato sulle prime pendici dei monti Apuani a quota 443 m. slm., è abitato da circa 600 persone. Comprende molte piccole frazioni (Cardoso, Levigliani, Arni, Terrinca, Pontestazzemese, Farnocchia, Sant'Anna, Pomezzana, Retignano, Pruno, Volegno, Ruosina, Palagnana, Mulina, Gallena, La Culla, Campagrina) sparse sul versante marino delle alpi Apuane ad altezze comprese tra 160 e 916 m. slm. Nel piccolo villaggio di Stazzema un Monumento Ossario che raccoglie i resti di 560 martiri, massacrati dalle truppe naziste il 12 agosto del 1944, testimonia il pesante tributo pagato da queste popolazioni durante il II° conflitto mondiale.


- Montignoso - comune dell’entroterra (comprendente Cinquale, Pasquilio, Capanne, Piazza, Prato, Cerreto, San Eustachio, Vietina…) che conta circa 10.000 abitanti. Il nucleo abitativo si sviluppa in epoca medioevale quando il Re longobardo Astolfo, dona al cognato un grosso uliveto nelle vicinanze di castello Aghinolfi, per ricavare olio, necessario al mantenimento dei lumini delle chiese. Il castello Aghinolfi, chiamato “fortezza” dagli abitanti del posto, è un baluardo di più antiche origini, costruito a difesa della costa e del canale di Montignoso, da probabili attacchi corsari. Oggi è un importante centro di lavorazione e di commercializzazione del marmo. La frazione di Pasquilio a 800-900 m. di quota, offre un panorama incantevole su tutta la Versilia e nei giorni in cui le condizioni climatiche sono più favorevoli si possono vedere nitidamente le maggiori isole dell'arcipelago toscano e la Corsica!


- Massa - Assieme a Carrara è capoluogo di provincia ed è conosciuta fin dall’epoca Romana per le attività legate al marmo. Nella zona, dopo tormentati periodi legati al controllo del suo territorio, nel 1442 si insediarono i marchesi Malaspina che ne hanno mantenuto il controllo fino al definitivo ingresso nel Regno d’Italia, del 1860. Nel periodo compreso tra le due guerre, i principali gruppi industriali hanno costruito grandi stabilimenti, trasformando la zona in un importante polo produttivo. Oggi, dopo gli anni della crisi industriale, prevalgono attività economiche più moderne, legate al terziario ed al turismo.


- Carrara - Assieme a Massa è capoluogo di provincia ed capitale mondiale per l’estrazione, la lavorazione ed il commercio del marmo a cui deve anche il proprio nome (dal ligure Kar = pietra). I giacimenti del suo marmo bianco erano già ampiamente conosciuti e sfruttati in epoca romana, utilizzando tecniche di estrazione primitive, che con il tempo si sono evolute, come documentato nel “museo del marmo” che in sei sezioni ripercorre ed illustra la storia dell’estrazione e della lavorazione del marmo attraverso i secoli. Sullo sfruttamento di questa preziosa ricchezza si è sviluppato tutto il territorio e Carrara da sempre, è stata il centro amministrativo e religioso dell’intera area, come testimoniano i sui ricchi ed importanti monumenti, primo tra tutti il suo stupendo Duomo (XI-XIV sec.).



L’INTERNO DA SUD A NORD, SI ERGONO MAESTOSE LE ALPI APUANE

- Alpi Apuane - Sono un poderoso gioiello naturalistico (comprende tutte le località dell’Alta Versilia, quelle apuane di Massa Carrara e tutti i giacimenti marmiferi), protetto da un “parco naturale regionale”, che si concretizza in uno straordinario ed unico paesaggio alpino, ricco di verità di piante e fiori rari, direttamente affacciato sul mare. Sia il versante tirrenico, sia il versante interno, offrono la possibilità di bellissime escursioni a piedi o a cavallo, attraverso sentieri immersi nel verde, nella natura e affascinati escursioni speleologiche in grotte naturali o aperte al pubblico (come la “Grotta dell’antro del Corchia”, o le “Grotte del Vento”). Le favorevoli condizioni ambientali hanno favorito insediamenti dell’uomo in queste zone già in epoche preistoriche che successivamente hanno dato vita alle primitive necropoli delle popolazioni “Liguri-Apuane”. Tutto il comprensorio, a partire dalle prime colline sopra il lago Masaciuccoli, fino a Campo Cecina sopra Carrara (che aggrega vette alte quasi 2000 m.), offre panorami incantevoli, sulla costa sottostante e sul Tirreno.







EDIZIONE 2017
2017 EDITION

19 Febbraio - 22 Febbraio 2017



» Giuria
» Jury


» Risultati 2017
» Scores 2017


» Schede di valutazione
» Scores sheet


» Menu Ristorante delle Nazioni
» Restaurant of the Nations Menus


Galleria Foto 2017

» Preparazioni
» Premiazioni
» Concorrenti al lavoro



Go back to top page